YERAY ALVAREZ LOPEZ: Un Leone fra i leoni.

di Remo Gandolfi

yeray1.jpg

Questa storia parla di un leone.

Ma non dell’animale da tutti considerato come il “Re della foresta”.

E c’entra solo in parte il fatto che nella squadra dove gioca sono tutti “Leoni”, quelli del San Mames dell’Athletic Club di Bilbao.

Solo che Yeray Alvarez Lopez è un LEONE vero.

La sua è una storia di determinazione, di coraggio, di sofferenza che va ben oltre la “normale” capacità umana di affrontare le avversità.

Yeray nasce il 24 gennaio del 1995 a Barakaldo, la cittadina alle porte di Bilbao che tra l’altro ha dato i natali a Javier Clemente, https://wp.me/p5c7YM-5V l’ultimo allenatore a portare i baschi al trionfo nella Liga.

Quando nasci da quelle parti e ti piace giocare a pallone il sogno è uno solo, sempre quello, per tutti i ragazzini da generazioni e generazioni: giocare nell’Athletic Club di Bilbao, indossare almeno una volta nella vita la maglietta “zurigorri” (biancorossa) e calpestare il terreno del San Mames.

Yeray non è differente da tutti i suoi coetanei attuali, delle generazioni passate e, potete scommetterci, di quelle future per chissà quanto tempo ancora.

C’è una differenza però, e non da poco.

Yeray Alvarez Lopez a calcio ci sa giocare davvero.

Tanto che, entrato nella “Cantera del Lezama” (il favoloso centro sportivo sulle colline sovrastanti Bilbao da sempre fucina inesauribile di talenti) a tredici anni stabilirà uno strano ma incredibile record: non giocherà mai più di una singola stagione nella stessa categoria.

Nelle cinque squadre giovanili in cinque anni diversi, poi uno nella Juniores, uno nel Baskonia (terza squadra del Club che gioca nella D spagnola), uno nel Bilbao Athletic (seconda squadra del Club in serie C) e poi in Prima squadra dal 2016.

Sarà proprio a settembre di quell’anno, in una partita di Europa League a Reggio Emilia contro il Sassuolo, che Yeray farà il suo esordio nell’Athletic.

E la sua prestazione sarà l’unica nota lieta di quel match per l’Athletic e i suoi supporter che videro il Sassuolo “passeggiare” su un Athletic stranamente abulico e impacciato.

Da quel giorno però la sua presenza in prima squadra non è mai più stata messa in discussione … con il “Txingurri” Valverde (ora manager del Barça) e i tifosi dei Leones a fregarsi le mani all’idea di avere una coppia di centrali del valore di Aymeric Laporte e proprio di Yeray.

… In pratica ruoli coperti per i prossimi dieci anni !

La dea bendata però non condivide questi progetti della società di Ibaigane, dei fedeli e appassionati tifosi baschi e dello stesso Yeray.

Proprio mentre iniziano a susseguirsi voci di “forte interessamento” di Real Madrid e soprattutto di Barcellona nei confronti del talentuoso difensore dell’Athletic, poco prima di Natale di quel 2016 il Presidente Josu Urrutia convoca in fretta e furia una conferenza stampa.

C’è molta curiosità fra i media anche e soprattutto considerando la serietà, il rigore e la correttezza del Club basco, che ama tenere un profilo basso e il più possibile lontano dai riflettori soprattutto dei media nazionali.

La notizia comunicata dal club in quella conferenza stampa lascia tutti completamente sbigottiti: Yeray Alvarez, il 21 difensore dell’Athletic, ha il cancro.

In un normale controllo di routine si è evidenziato un tumore al testicolo destro

Società, compagni e tifosi sono increduli e affranti.

A Bilbao si vivono giorni di smarrimento totale.

A Bilbao non è come altrove.

“Uno dei nostri ragazzi sta male” è la frase che si sente dire nei bar, nei negozi, nelle scuole e nelle officine.

A Bilbao, come in nessun’altra parte al mondo, questa frase ha un significato così forte e profondo.

Sono tutti ragazzi baschi, molti di loro nati e cresciuti a Bilbao e nelle immediate vicinanze.

Il senso di appartenenza della squadra ai tifosi e viceversa è qualcosa di difficilmente spiegabile se non si è mai stati da quelle parti.

“Il ragazzo è sereno ed è forte. E’ pronto ad affrontare questa battaglia” dirà Urrutia in quella conferenza stampa.

Yeray affronterà la malattia e l’operazione con una forza ed una maturità incredibili per un ragazzo della sua età.

Come un leone insomma …

“Tornerò presto ragazzi” è quello che dirà ai compagni e ai tifosi prima di entrare in sala operatoria.
Nessuno è in grado fare previsioni sulla data del suo rientro.

Peggio.
Nessuno è in grado di garantire che Yeray Alvarez Lopez potrà tornare su un campo di calcio.

Ma si parlava di LEONI o sbaglio ?

Tre settimane dopo l’operazione Yeray riceverà dai medici il via libera per tornare agli allenamenti.

Sono gli ultimi giorni di gennaio del 2017.

Ad un mese e un giorno dalla operazione Yeray torna nella rosa dell’Athletic per il match contro lo Sporting Gjion.

In campo, e da titolare, ci tornerà la settimana successiva, al Nou Camp, contro Messi e compagni dimostrando ancora una volta che quello è il suo posto e che non teme nessuno, nemmeno la squadra forse più forte del globo.

E’ il 4 febbraio del 2017.

Ora però c’è da recuperare il tempo perduto.

C’è da aiutare l’Athletic a conquistare un posto in Europa per la prossima stagione e c’è da ritrovare una maglia tra gli Under 21 della Spagna che in estate parteciperanno agli europei di categoria.

Siamo a fine stagione.

Entrambi gli obiettivi sono stati raggiunti.

Yeray ha apportato senso della posizione, tempismo, velocità e capacità nella costruzione del gioco alla difesa dei “Leones” … i gol del “vecchio”, incombustibile Aduriz, hanno fatto il resto.

Già da marzo, in una amichevole contro i pari età della Danimarca, Yeray ha ritrovato il suo posto nel cuore della difesa della nazionale under 21 e ora è nella lista dei calciatori che partiranno per la fase finale in Polonia dalla metà di giugno.

yeray nazionale

Prima di partire il ragazzo di Barakaldo si sottopone ad uno dei periodici controlli di routine.

L’esito è devastante.

Il tumore è tornato.

Più aggressivo di prima.

E’ un incubo.

Non è possibile che la sfortuna si accanisca così con un ragazzo di 22 anni.

“State tranquilli. Vincerò anche stavolta” è l’unica cosa che scriverà Yeray sul suo profilo Instagram … quando avrebbe il diritto sacrosanto di imprecare, di piangersi addosso e di urlare al mondo tutta la sua rabbia.

Un lungo ciclo di chemioterapia lo attende.

Niente europei, niente vacanze, niente inizio della preparazione con i compagni.

L’estate di questo ragazzone umile quanto coraggioso trascorre tra sedute di chemio, riposo e speranze.

Un leone si diceva.

Ma stavolta accanto ha una leonessa, di quelle forti, dolci e presenti.

Si chiama Eneritz, ed è la sua ragazza.

yeray y eneritz.jpg

Questa bellissima ragazza basca sarà lo scoglio a cui si aggrapperà Yeray in questi mesi, il suo rifugio quando si isolerà da tutto il resto per giocare la partita più importante della sua vita.

Ma accade qualcos’altro in questa estate di strenua lotta e di sofferenza.

Siamo circa a metà del lungo ciclo di chemioterapia quando Yeray decide di far visita ai compagni di squadra che nel frattempo hanno ripreso gli allenamenti a Lezama.

Yeray entra in uno spogliatoio che però sembra completamente deserto.

C’è un silenzio assoluto.

Poi svolta un angolo e ad accoglierlo ci sono tutti i suoi compagni di squadra, che lo abbracciano,lo applaudono e gridano il suo nome.

Ma c’è di più.

Si fa fatica a riconoscere i vari De Marcos, Aduriz, Susaeta o Laporte.

Sapete perché ? Perché si sono tutti rasati a zero, proprio come è stato costretto a fare Yeray, in un bellissimo e commovente gesto di solidarietà.

La scena è sul web.

Non commuoversi è umanamente impossibile.

Bastano quei pochi secondi per capire che l’Athletic, e Bilbao, sono qualcosa di speciale, di unico.

Passa tutta l’estate e arriva l’autunno.

I dubbi, le paure e le speranze si inseguono e si confondono.

Finalmente è il “Kuko” Ziganda, il nuovo manager ed ex grande attaccante dell’Athletic, a dare la notizia più bella.

“Yeray sta bene e fra pochi giorni tornerà ad allenarsi con noi”.

Siamo a fine settembre.

Il Club e tutto il popolo dell’Athletic tirano un enorme sospiro di sollievo.

Il ragazzo che con il suo coraggio impavido ha conquistato il cuore di tutta la Naziona Basca è tornato.

La chemio lo ha debilitato parecchio, stavolta i tempi sono più lunghi.

Ma l’Athletic, Bilbao e la Nazione Basca lo aspettano con pazienza.

Finalmente il 7 di gennaio di quest’anno si rimette scarpe, pantaloncini e la SUA maglia numero 5.

Quel giorno al San Mames c’è l’Alaves e Yeray è solo in panchina.

… quando si alzerà per iniziare il riscaldamento sarà un boato a salutarlo.

E’ un urlo liberatorio di tutto il San Mames, che, tutto in piedi, lo applaude e lo chiama.

“Il nostro ragazzo è tornato” è la frase che domani si sentirà dire nei bar, nei negozi, nelle scuole e nelle officine.

Non giocherà in quel match.

Rientrerà come l’anno precedente il 4 di febbraio in un incontro fuori casa a Girona.

“Il giorno più bello di questa stagione” diranno tanti tifosi “Zurigorri” in questa stagione tribolata e avara di soddisfazioni.

Ma da quelle parti lo sanno che ad anni buoni si alternano anni difficili dove però tifosi e squadra sanno compattarsi ancora di più per uscire insieme dalle difficoltà.

I Baschi fanno dell’orgoglio e della determinazione le loro peculiarità principali.

Yeray Alvarez Lopez ne ha incarnato più di chiunque questa immagine.

Due partite “secche” contro il male.

Due vittorie nette e schiaccianti.

“Ora sono più forte e determinato di prima” dirà Yeray a pochi giorni dal suo rientro agonistico “e ora apprezzo ancora di più le cose semplici della vita, come bere un bicchiere di vino, una serata al cinema con Eneritz o una cena tra amici.”

A 23 anni il tempo è tutto dalla parte di questo ragazzo che ha mantenuto intatti i suoi sogni: giocare con la Nazionale spagnola e soprattutto alzare un trofeo con l’Athletic Club di Bilbao.

… e che quando gli parlano dell’interessamento nei suoi confronti dei grandi Club si mette a ridere e risponde “Scusate, ma sapete dove sono nato vero ? Beh, io è qui che voglio giocare tutte le partite della mia carriera.”

E che il cielo stavolta ti ascolti, Yeray Alvarez, leone fra i leoni.

yerayultima.jpg

 

Annunci

Autore: remogandolfi

Amo gli ultimi. Quelli spesso perdenti, autodistruttivi, sfigati fino all'inverosimile. Qui proverò a raccontare qualche piccola storia dei tanti che ho amato, nello sport, nella musica e nel cinema. Accompagnato da tanti amici con le mie stesse passioni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...